Cool memories


Cartolina di Jean Baudrillard al senatore Alberto Bagnai

Condividi:

Onorevole senatore Alberto Bagnai,

quando Berlinguer dichiara: “Non bisogna aver paura di vedere i comunisti prendere il potere in Italia”, questo significa allo stesso tempo:

    • che non bisogna aver paura perché i comunisti se arrivano al potere non cambieranno niente del suo meccanismo capitalistico di fondo;
    • che non c’è nessun rischio che arrivino mai al potere (perché non lo vogliono) – e se lo conquistano non faranno mai altro che esercitarlo per procura;
    • che in realtà il potere, un vero e proprio potere, non esiste più e, dunque, non c’è nessun rischio che qualcuno possa prenderlo o riprenderlo;
    • ma anche: “io, Berlinguer, non ho paura di vedere i comunisti prendere il potere in Italia” – e questo può sembrare evidente ma non lo è più di tanto, poiché può voler dire il contrario (non c’è bisogno di psicanalisi per questo): ho paura di vedere i comunisti prendere il potere (e a buona ragione, perfino per un comunista).

    Tutto questo è vero contemporaneamente. È il segreto di un discorso che non è più soltanto ambiguo, come possono esserlo i discorsi politici, bensì traduce l’impossibilità di una posizione determinata di potere. L’impossibilità di una posizione determinata di discorso. E questa logica non appartiene né al tale partito né al tal altro. Attraversa tutti i discorsi senza che lo vogliano.

    Chi sbroglierà questo imbroglio? Il nodo gordiano poteva almeno essere spezzato. Il nastro di Moebius, invece, se viene diviso, dà luogo a una spirale supplementare senza che sia risolta la reversibilità delle superfici (qui, la continuità reversibile delle ipotesi). Inferno della simulazione…

Devoti ossequi,

Jean Baudrillard

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Giordano Alborghetti (Bergamo): curioso del software libero, musicofilo, amante del mare
Umberto Pietro Benini (Verona): salesiano, insegnante di diritto e di economia, ricercatore di verità
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Laura Dolci (Torino -> Boston): un'italiana in America, Marketing Intern & Student
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro