Cibo o salute? Il drammatico dilemma delle renne sami

Quando scoppiò il Virus, conoscendo bene le élite dominanti, specie i sempre più imbarazzanti radical chic, ebbi un’intuizione: dichiarai che non avrei fatto commenti verbali o scritti sulla gestione politica del Virus. Aggiunsi che non mi fidavo di questo governo: è facile “chiudere” un Paese (basta un Prefetto), difficilissimo “riaprirlo”. Occorrevano competenze managerial-politiche sconosciute ai più. Figuriamoci a un team di scelti da una piattaforma digitale e pezzi della burocrazia del Deep State. Ma proprio per questo...

Il politically correct sta precipitando nel pensiero unico

Ho l’età per appartenere a quelle persone (perbene) che tanti anni fa di fronte agli studenti che affermavano a voce alta “il sapere è l’arma di pressione di una società bianca, fallocratica, eterosessuale” hanno sorriso, scosso la testa, detto “son ragazzi”. Erano i nonni di quelli che oggi depositano un fiore sulle confezioni di carne nel banco frigo dei supermercati dandoci degli “assassini” (di vacche e di pecore, of course). E noi sorridiamo: “son ragazzi”. Ci è sfuggita allora, ci sfugge oggi, la pericolosità del politically correct e della sua evoluzione. Mi ha confidato un amico, professore universitario in USA (mi ha pregato di non citarlo!) che colà le Università...

Chatbot da bar e incapienti mentali

Chatbot è un software progettato per simulare una conversazione con un essere umano. Tutto nasce da un articolo (1950) dell’immenso Alan Turing, Computing Machinery and Intelligence, che proponeva un criterio (Test di Turing) che determinasse se una macchina fosse in grado o meno di pensare. Con l’arrivo di Covid-19, e la sua sciagurata gestione da parte...

Solo ai millenial è consentita la rivolta

Sulle terrazze e nei salotti più esclusivi, nei board old fashion foderati di radica, nelle cabine dei Gulfstream che (ri) sfrecciano nei cieli, finalmente liberi dai voli di linea e dai miserabili low cost, ci si scambia riflessioni sull’opzione principe di queste settimane.

L'altra faccia del virus

Ho sempre sostenuto che questa mostruosa “Crisi” economica, politica, culturale non è imputabile al “Virus” ma a come le leadership al potere lo hanno gestito.

In marcia verso il divano del reddito di cittadinanza

Premetto che l’aspetto politico della Fase 2 non mi interessa. Privilegio l’aspetto manageriale. Quali business "riaprire" e come risolvere l’aspetto del "distanziamento" sono la ciccia di questa operazione. Il Premier la sta gestendo aggrappandosi a un club di virologi vanesi come lui.

Fare business nel mondo post virus

Una dozzina d’anni fa, abbandonai tutte le mie attività retribuite e mi dedicai a un sogno: "Cercare di capire in che mondo sarebbero vissuti i miei quattro nipoti, tutti nati nel nuovo secolo (Generazione Z)".