La zattera della Medusa

«Monsieur, vous venez de faire un naufrage qui n'en est pas un pour vous» ebbe così occasione di commentare Luigi XVIII davanti a “La zattera di Medusa” e al suo giovane autore, il 29enne Théodore Géricault. Era il Salon di Parigi del 1819, dove il grande quadro (cm 491x716 ora presente al Louvre) venne mostrato per la prima volta al pubblico. I critici si divisero tra commenti positivi e feroci condanne: chi era affascinato dalla disperazione e dall’orrore espresso nell’opera, chi era...

Fucking hell

Tempo fa riflettevo su “Sanguine. Luc Tuymans on Baroque” alla Fondazione Prada a Milano (2018), una mostra che ebbi l’occasione di visitare, quando ancora avevamo una vita normale. E’ stata una delle migliori mostre che ho visto negli ultimi anni: curata da Luc Tuymans, grande pittore, partiva da un assunto di Walter Benjamin secondo il quale il Barocco segna l’inizio della... 

Il Quarto Stato

«S'ode ... passa la Fiumana dell'umanità

genti correte ad ingrossarla. Il restarsi è delitto.

Filosofo lascia i libri tuoi a metterti alla sua

testa, la guida coi tuoi studi.

Artista con essa ti reca ad alleviarle i dolori colla

bellezza che saprai presentarle.

Operaio lascia la bottega in cui per lungo lavoro ti

consumi

e con essa... 

Nature morte

Alle volte penso alle nature morte fiamminghe del Cinquecento, quei quadri senza traccia di presenza umana, in cui unici protagonisti sono gli oggetti della vita quotidiana, dipinti con lucida e quasi maniacale abilità. Vi erano dei “motivi” definiti: le tavole imbandite, simbolo di benessere e prosperità, i mazzi di fiori recisi, le dispense di cibi e infine le “Vanitas”. Esse si contraddistinguevano per...

L'asintomatico

Ho vissuto fino a prima del Coronavirus in un mondo in cui esistevano delle opinioni piuttosto nette nelle persone, e anche nel linguaggio comune i sinonimi e contrari facevano parte di una solida convenzione generale: ricco o povero, bianco o nero, sano o malato non erano argomento di discussione. Finché ci siano accorti di una nuova entità, l’Asintomatico: colui che appare sano, ma potenzialmente... 

Classic nudes

Ha fatto notizia quest’estate il lancio di un progetto, all’interno del sito di Pornhub, dal titolo “Classic nudes”: una guida alle opere d’arte più osé raccolte nei musei di tutto il mondo, dal Louvre a Parigi al Met di New York. Madrina dell’operazione, Ilona Staller, in arte Cicciolina. L’intento era quello di presentare e far raccontare le opere più famose sul tema dall’attrice e regista porno Asa Akira, con tanto di descrizione e localizzazione all’interno del museo, come fosse...

Mare

Quest’agosto Milano era deserta… come non mai. In generale i milanesi abbandonano in massa la città durante il periodo estivo, ma negli ultimi anni, prima del Covid, la loro assenza era stata compensata da un nutrito gruppo di turisti che, complici i voli low cost, rendevano Milano più vivace. Quest’anno non è andata così, tutto è sospeso.

Io amo Milano in agosto, in cui lavoro con calma, presidiando il palazzo dove ho lo studio assieme a Piera, la custode. A parte qualche lieve difficoltà, la vita è...

Speed

In questa estate un po’ tribolata, grazie  all’ottima biografia di Luca Ronchi edita da Johan & Levi e ai suoi ultimi quadri ammirati alle Gallerie d’Italia a Milano, ho potuto riflettere sulla figura di Mario Schifano. La biografia è un racconto a più voci, testimonianze di chi lo ha conosciuto da vicino: l’autore costruisce la narrazione come fosse un...

Il bacio

Ci sono più nudi che baci nella storia dell’arte: forse perché il sentimento che si esprime attraverso il bacio è intimo e personale, e la sua eco fa vibrare chi ne è casualmente spettatore. Il nudo invece si ammira per la sua...