Il grande corpo della pittura

“La pittura in questa fine secolo è malata” scrisse Jean Clair a metà degli anni Novanta, nella sua Critica della modernità. E adesso che genere di commento farebbe sul nostro presente? Tutto un mondo glamour che si basava su feste e vernissage per affascinare il pubblico dell’arte e i collezionisti è sparito in un sol colpo.

Troppo chic per promuovere l'arte?

Qualche giorno fa ho ricevuto una mail dalla direzione di Artissima. Con tono laconico mi informavano della rinuncia ad aprire i battenti questo prossimo novembre, causa Coronavirus. La fiera d’arte torinese, che più di tutte le fiere italiane ha una vocazione internazionalistica, ha capitolato in linea ad altre , da Art Basel a Frieze, benché continui a sentirsi una “guida in grado di aprire scenari inaspettati testimoni di un profondo e meditato cambiamento”. Mi domando come mai...

Ritratti in prima linea

È cosa rara nella vita sentirsi al posto giusto al momento giusto. Eppure venerdì scorso è accaduto pure a me.  Ero a Domodossola, in occasione della mia partecipazione a una conferenza dal tema “I miei ritratti in prima linea”, dedicata all'opera del fotografo Andrea Frazzetta, colui che tra i primi ha fotografato i volti dei medici e del personale sanitario impegnato nella lotta al Coronavirus nei tragici giorni di inizio pandemia. Il suo servizio è stato pubblicato sul New York Time Magazine. Alla conferenza c'era anche  Monica Falocchi, capo-infermiera degli Spedali Civici di Brescia, che grazie ad Andrea è finita, volente o nolente, in prima pagina.

Considerazioni sullo stato delle Belle Arti

“Non c’è avvenire per l’arte nei prossimi venticinque anni” disse Marcel Duchamp nel 1952. Si può supporre che non avesse pensato, nel formulare la previsione, a quello che avrebbe potuto accadere dopo quel termine. Negli anni Settanta, infatti, in tutto il mondo fu costruito in media un museo alla settimana, ogni città desiderava avere il proprio e perfino le istituzioni più antiche si ingrandirono aumentando...

Il vassoio di Hopper

Sono finalmente riuscita a ritagliarmi del tempo per andare a vedere la mostra di Edward Hopper alla Fondation Beyeler a Basilea e non mi sono affatto pentita. La mostra chiude domani 20 settembre e anche se è durata ben sei mesi, per via del prolungamento post-Covid, non tutti hanno avuto modo di vederla.  In quanto ammiratrice di Hopper, fin da tempi remoti, vedere...

Genio, sregolatezza... e normalità

È tutta la vita che mi domando se son troppo normale. Questa cosa del "genio e sregolatezza" affibbiata agli artisti mi ha sempre un po’ urtato perché è davvero un ossimoro. Di certo però è anche un buon punto di riflessione sul perché della pratica artistica. Qualche anno fa, Massimigliano Gioni, nel suo "Il Palazzo Enciclopedico"...

L’ Instagram di Carol Rama

Una delle prime forme di socialità dopo il lockdown è stata andare a prendere un ice coffee al bar Cucchi con due amiche, qualche domenica fa. La prima delle due è una presenza di lunga data nella mia vita, curatrice di mie mostre ed ex direttore di museo, la seconda è una giovanissima gallerista. È stato molto gradevole...

La furia iconoclasta e la legge del 2%

In questi ultimi giorni di rivolte e furia iconoclasta, vedendo piombar a terra la statua di Cristoforo Colombo a Baltimora, mi è venuta in mente un'altra statua: quella di Saddam Hussein, di fattura italiana, che era in piazza Firdos a Baghdad e che il 9 aprile 2003 la folla proprio non riusciva ad abbattere, nonostante l'aiutino...