L’ Instagram di Carol Rama

Una delle prime forme di socialità dopo il lockdown è stata andare a prendere un ice coffee al bar Cucchi con due amiche, qualche domenica fa. La prima delle due è una presenza di lunga data nella mia vita, curatrice di mie mostre ed ex direttore di museo, la seconda è una giovanissima gallerista. È stato molto gradevole...

La furia iconoclasta e la legge del 2%

In questi ultimi giorni di rivolte e furia iconoclasta, vedendo piombar a terra la statua di Cristoforo Colombo a Baltimora, mi è venuta in mente un'altra statua: quella di Saddam Hussein, di fattura italiana, che era in piazza Firdos a Baghdad e che il 9 aprile 2003 la folla proprio non riusciva ad abbattere, nonostante l'aiutino...

I frattali sono gettonatissimi, purtroppo

Domenica scorsa, sfogliando D - La repubblica delle donne, il settimanale femminile di Repubblica, ho visto nelle ultime pagine la rubrica di arte curata da Cecilia Alemani, già curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, e direttrice artistica...

La malinconia e gli scacchi

Di recente mi è capitato sotto mano il catalogo della bella retrospettiva di Piero Guccione al Museo d’Arte di Mendrisio, in Svizzera, a un anno dalla morte dell’artista siciliano. Artista piuttosto...

Quelli che vanno e quelli che restano

Quando iniziai a esporre in un’importante galleria d'arte milanese, ormai vent'anni orsono, mi resi conto che ero entrata a fare parte di una "scuderia" e che vigeva in quel mondo una regola derivata da una metafora calcistica: il dovere essere artisti "di serie A". Chi stabiliva chi lo fosse è un enigma per me ancora insoluto.

Christo, un rivoluzionario gentile

Christo - scomparso la scorsa domenica a 84 anni - iniziò a impacchettare le sue opere a Parigi negli anni ‘60 sulla stregua della Arte Pop (che in Francia, dove viveva, si chiamava Nouveau Réalisme), le cui opere prendevano spunto dagli oggetti e dalle merci. La sua intenzione...

Il mocio e la collezione Thyssen

L’altra settimana i milanesi avevano appena iniziato a mettere il naso fuori di casa quando, ancora intimiditi per il fatto di poter passeggiare, hanno avuto un altro segnale decisivo dalla Natura.