IL Cameo


Alle élite politiche, economiche, culturali e religiose la situazione è sfuggita di mano

Condividi:

Osservo come questo governo gestisce il post “Virus”, ascolto il linguaggio contorto del Premier, tento di decifrare il silenzio enigmatico del Presidente: mi pare ancien régime in purezza.

Il “Virus” è stato un terremoto inatteso scaraventatosi sul modello politico, economico, culturale (CEO capitalism) dominante da 30 anni. Ora scopro che le leadership non hanno una strategia per sciogliere il dilemma cibo vs. salute. Si limitano a ripetere il ritornello “dobbiamo contemperare la salute con l’economia” ma nel frattempo hanno preso decisioni basate...

... sull’arrivo di un vaccino salvifico a inizio 2021, che di fatto, se non avvenisse, penalizzerebbero l’economia. Hanno prodotto DPCM in successione, senza respiro strategico, spesso ridicoli nelle loro modalità attuative (sui bus a mò di sardine ma a casa non più di 6!). Nel frattempo, certe attività ad alta occupazione stanno morendo. E se scoprissimo che il vaccino, ammesso lo si trovi, non sarà operativo prima del 2022 o oltre, e la sua copertura moderata? Abbiamo un Piano B? Andando avanti così (“apri e chiudi”) distruggiamo definitivamente l’economia.

Temo che la situazione sia sfuggita di mano alle élite politiche, economiche, culturali, religiose dell’Occidente. Da Merkel, a Macron, a Rutte, scommettono tutti sull’arrivo a breve del vaccino. E noi?

1) In pochi giorni, da paese modello della lotta al Virus (una ridicola fake news istituzionale) siamo tornati nel gruppone degli altri europei, degli americani, dei brasiliani, tutti bloccati sulla modalità “apri un po’, chiudi un po'”.

2) Il Conte Bis è una squadra di governo sgangherata, con giovanotti usciti o da una misteriosa piattaforma digitale o nati vecchi da partiti vetusti, e un capitano emerso dalle oscurità del Deep State.

3) Un unico merito: hanno “chiuso” bene il Paese la prima volta.

4) Hanno dimostrato non essere all’altezza nel “riaprirlo”, pur avendo buttato nella fornace del debito pubblico un centinaio di miliardi (a pioggia).

5) Per “chiudere” bastano competenze prefettizie, per “riaprire” bisogna avere competenze strategico-manageriali autentiche. Non le hanno. Non si può governare un Paese a colpi di voti di fiducia, di pieni poteri, di ridicoli commissari ad acta, con un Parlamento di inetti, terrorizzati di perdere la cadrega.

6) I numeri del Virus ormai sono chiari, la contagiosità è altissima, ma la letalità è bassa. L’1% dei contagiati finisce nelle terapie intensive e di questi un certo numero muore. Un vero leader controlla, in parallelo, sia la curva dei contagi sia la curva dei senza reddito e della caduta del PIL, definisce una strategia, poi pianifica e si organizza. Questi che fanno? Si dilaniano in chiacchiere.

7) Mai come in questo momento la domanda del vecchio Lenin è pertinente: Che fare?

8) Se ascolti gli scienziati di regime, ormai più attori da talk che da laboratorio, devi chiudere tutto fino all’arrivo del vaccino.

9) Che succede se richiudi? Il Paese si frantuma. I poveracci, con mascherina incorporata, si aggireranno per le strade per sopravvivere. Entreremo nel mondo di The Road di Cormac McCarthy. Lor signori invece si ritireranno in villa (o nel trullo o nel maso o nel casolare maremmano), con familiari, domestici, bodyguard, pontificheranno da remoto sul “Virus”, sputeranno il solito editoriale giornaliero, scriveranno il romanzo per lo Strega o il saggio di economia che fa curriculum, in attesa dell’arrivo del vaccino. Gli italiani impoveriranno, Cina e Silicon Valley ingrasseranno.

10) Siamo sul serio un Paese serio, come ci siamo avventurosamente autoproclamati?

11) L’ultima chance che abbiamo è il Presidente. Una sua moral suasion potrebbe costringere il Parlamento ad esprimere un governo di salute pubblica che definisca e implementi un piano operativo per la radicale ristrutturazione e il riposizionamento strategico di tutte le attività del paese? Lo farà, pur non avendone l’obbligo?

12) Torniamo ai fondamentali, ai valori primari della vita: abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri, ci si salva solo tutti insieme. La nostra cultura è giudaico-cristiana, solo con questa potremo salvarci. Abitiamo la stessa Terra, come dice Papa Bergoglio siamo fratelli di tutti, anche dei cinesi e dei “sociopatici californiani”. Ma il modello di vita liberal-nazi-comunista di Xi Jinping e del CEO capitalism  per molti di noi è inaccettabile. E’ costruito per renderci “consumatori” zombie e schiavi. Non pretendo che costoro, come dice la Bibbia, siano “fratelli in Cristo”, ma neppure “fratelli-coltello”.

13) Mi chiedo: questa gestione del “Virus” da incompetenti vanitosi ci porterà alla bancarotta morale ed economica? Che Dio ce la mandi buona.

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Laura Dolci (Torino -> Boston): un'italiana in America, Marketing Intern & Student
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Darth Martinetus (--): Dark Lord of the Sith
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Tommaso Papini (Firenze): traduttore inquieto, occidentale esausto, cavaliere di bronzo
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro