Laura Travels


Scrivere un diario ha i suoi vantaggi

Condividi:

Ognuno di noi scrive un diario a modo suo: è un qualcosa di molto personale che facciamo in modo diverso l’uno dall’altro. Provare a dirvi: “Scrivi un numero minimo di paragrafi” oppure “Usa cinquanta parole per descrivere un colore o un emozione”: non funzionerebbe.  Non esiste una formula o un trucco per...

... tenere un diario. In inglese usiamo la parola "journal" (diario) sia come verbo sia come sostantivo: indica il senso di urgenza che ci spinge a riflettere su esperienze che abbiamo vissuto o stiamo vivendo nel momento. Scrivere un diario può anche essere una singola frase di poche parole, basta che serva a farci riflettere ed imparare una lezione dalla situazione vissuta.

Tenere un diario porta molti benefici, almeno a me li ha portati. Riflettere e scrivere mi ha aiutato:

    • a rivivere momenti speciali
    • a rivivere i momenti peggiori ed imparare delle lezioni
    • a capire che non c’è nulla che mi possa fermare
    • a sentirmi libera ed esprimere le mie emozioni
    • a rispondere a domande sul mio passato e me stessa
    • a viaggiare nel tempo

Ci sono anche altre buone ragioni per scrivere un diario, ma queste sono le principali.

La vera bellezza del diario è che sei TU, conti SOLO TU. Non si scrive per qualcun’altro, non ci dobbiamo mettere nei panni di altri per esser sicuri di spiegarci bene, non c’è bisogno di preoccuparsi di grammatica o sintassi, il diario non lo vedrà nessuno. E non c’è limite a quanto vuoi scrivere, come non c’è limite a quanto puoi esplorare ed esprimere.

Per me tenere un diario è molto importate per la salute mentale ed è il motivo di questo post. Scrivendo delle tue emozioni, di com’è andata la giornata, sei in grado di uscire dal tuo corpo e guardare te stessa da una prospettiva nuova, dall’esterno. Questo spesso aiuta a riconoscere piccole cose cui non hai pensato da dentro, quando hai vissuto il momento di quell’esperienza. Il mio diario è iniziato in terza media, durante un periodo difficile, e se da allora sono cresciuta buona parte del merito è in quelle pagine che ho ancora davanti a me oggi.

Se da un lato non vi posso obbligare a tenere un diario, direi che scrivere un paio di frasi al giorno, quando avete un momento libero, vi farà concentrare sulle cose urgenti, che contano. E’ un modo molto facile per meditare, che vi farà viaggiare nel tempo attraverso le vostre parole, e vi aiuterà a concentrarvi, a rilassarvi ed altro ancora.

Se vi interessa, a questo link i benefici di tenere un diario.

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Laura Dolci (Torino -> Boston): un'italiana in America, Marketing Intern & Student
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Darth Martinetus (--): Dark Lord of the Sith
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Tommaso Papini (Firenze): traduttore inquieto, occidentale esausto, cavaliere di bronzo
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro