Musica in parole


Misia e Coco

Gabrielle (Coco) Chanel e Maria (Misia) Godebska Sert - musicista di origine polacca e musa ispiratrice di molti artisti - si incontrano nel 1917. Non si lasceranno più. Nei loro discorsi spartiti e cappelli, balletti russi e jersey.  Precoce talento della musica, da adulta la pianista ha grande influenza nell’ambiente artistico-letterario parigino e possiede la capacità di scorgere il talento nelle persone prima di chiunque altro. A lei molti...

... si rivolgono Renoir e altri pittori la ritraggono, Ravel le dedica La Valse, Proust ne traccia un ritratto nella sua Recherche.

Gabrielle deve molto a Maria, compresa la conoscenza di Igor Stravinsky e quella di tanti altri nomi illustri, amici della musicista. Non c’è dubbio che l’incontro con Misia - e la conseguente vicinanza con la musica - abbia influenzato la vita di Coco. Pare sia stata la musicista a suggerire all’amica la creazione di un profumo da firmare con il suo nome, quel “Chanel Nº 5” nato nel 1921. Sul vero perché la stilista abbia scelto il numero cinque, difficile dire con certezza; certo è che quello era l’anno della relazione di Gabrielle con Stravinsky che, proprio nella casa di Garches di lei, in quei mesi scrive per pianoforte Les cinq doigts (pezzi brevi su cinque note, semplici ma di pura poesia).

Un altro caro amico di Misia, l’impresario Sergej Djagilev, chiama Coco a realizzare i costumi del balletto Le train blue: testo di Cocteau, musica di Milhaud, sipario dipinto da Picasso. La prima esecuzione a Parigi  nel 1924 fu importante pubblicità per la stilista e la sua nuova idea di moda - una rivoluzione per l’epoca - e in più i suoi abiti sportivi erano indossati non da modelli ma da ballerini, danzanti a suon di musica francese d’avanguardia. Altri artisti, come l’eccentrico musicista Satie, seguivano Misia in rue Cambon, da Coco, dove era nata quella che diventerà la sua mitica casa-bottega parigina e dove le cene tra amici avvenivano nelle sale di prova.

Quella casa è ancora oggi il quartier generale della Maison Chanel ed è lì che nel 2015 nasce Misia, il profumo Chanel creato in omaggio alla musicista. Di sicuro è anche un ricordo di quelle atmosfere parigine anteguerra, quando Misia e Coco insieme esploravano la scena musicale e “giocavano” con la moda del Novecento, mischiando in modo vincente arti e mestieri.

© Riproduzione riservata.
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Giordano Alborghetti (Bergamo): curioso del software libero, musicofilo, amante del mare
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Laura Dolci (Torino -> Boston): un'italiana in America, Marketing Intern & Student
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Tommaso Papini (Firenze): traduttore inquieto, occidentale esausto, cavaliere di bronzo
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro

+ Articoli della rubrica