Joe Biden e i vaccini

Ai primi di maggio Joe Biden ha smosso le acque della politica internazionale da gran comico, dichiarando la volontà di condividere la proprietà intellettuale sui vaccini: rendiamo pubbliche le ricette, in modo che qualsiasi azienda possa produrre le preziose fiale. Cosa potrebbe mai andar storto? Abbiamo già visto aziende automobilistiche ed elettroniche...

Il riconoscimento automatico delle emozioni

Quando passiamo da un aeroporto, telecamere invadenti ci riprendono ed un algoritmo prova ad indovinare se siamo terroristi. Se siete scuri di carnagione ed avete la barba è abbastanza probabile che siate fermati per un controllo, se siete neri la probabilità aumenta. Ma oltre all’inevitabile pregiudizio razziale e su alcuni tratti culturali tipici di certe nazioni, chi vende questi software dice che sono anche in grado di...

Zio Joe all'attacco

Dopo un inizio in punta dei piedi per non inimicarsi i 75 milioni che han votato Trump, Joe Biden ha fatto poche importanti promesse in linea con il predecessore, e le ha mantenute in pieno. Rispetto ai 100 milioni di vaccini promessi per il primo trimestre, la nuova amministrazione ne ha iniettati il doppio, raggiungendo velocemente il 50% della popolazione americana. La prospettiva di festeggiare il 4 di luglio senza maschere, lockdown e patemi d’animo è realistica. Nell’economia Biden ha prima fatto passare... 

Zoom sullo stress

Oggi facciamo uno zoom sullo stress, non nel senso di Zoom ma di attenzione ai fattori di stress portati dalle continue conferenze via internet cui partecipiamo da casa. Tra i tanti utilizzi dell’elettroencefalogramma (EEG), di cui abbiamo parlato in numeri precedenti sulla capacità di monitorare in tempo reale il funzionamento del binomio mente-cervello, oggi si aggiunge la diagnosi dello stress da Zoom. Che sia Zoom, Teams, Skype o altro ancora, la nostra vita da studenti e lavoratori remoti ci vede partecipare a... 

Emigrare in America per capire la Superlega

La mia ultima partita di calcio allo stadio è ormai un ricordo lontano: in curva Maratona, in mezzo a migliaia di tifosi del Toro, a cantare, saltare, insultare, sventolare per due ore buone. Attorno a me famiglie, panettiere, taxista, professore di economia ed una marea di ragazzi: ogni singolo tocco di palla era analizzato e prontamente oggetto di incoraggiamenti o improperi. Non posso certo dire di essere un esperto di calcio, ma che bello andare in curva Maratona, una gioia.

Come facciamo spazio alle memorie?

Gli studi più recenti nel campo delle neuroscienze portano a valutare in circa 1.000 terabyte la memoria del nostro cervello, di cui 75 nella corteccia pre-frontale, l’area del cervello dove ragioniamo. Pensando al computer che usate in questo istante, ha all’incirca 1 terabyte di memoria e contiene film, libri e tutte le foto possibili delle vostre vacanze. Perché mai il nostro cervello, con così tanta capacità, dovrebbe aver bisogno di far pulizia dei ricordi, di far spazio per ulteriori memorie?

Ecosistemi Digitali

I bassi tassi di interesse di questo periodo facilitano l’investire in attività imprenditoriali, ancor di più per le start-up digitali, visto che lockdown e crescita del commercio elettronico sono vento in poppa per le loro ambizioni di crescita. Boston è da anni uno dei migliori ecosistemi per sviluppo e crescita delle aziende digitali: da quelle specializzate sulla robotica, intelligenza artificiale, internet delle cose, logistica, biomedicale e blockchain. Come hanno fatto?

Emigrare in America – Ma la pizza, quella buona, dove la trovo?

Quando arrivi in America, dopo aver messo in ordine abitazione, automobile ed accesso al credito, cominci l’affannosa ricerca di alimentari italiani, ed è facile intercettare la domanda disperata in uno qualsiasi dei siti dedicati agli immigrati. Ma la pizza, quella buona, dove la trovo? Da quella domanda parte una caccia al tesoro che coinvolge...

La pipì nella bottiglia

Nelle ultime settimane lo scontro tra Amazon e suoi seguaci da un lato, e politici e lavoratori dall’altro, è diventanto incadescente, coinvolgendo sia i dirigenti più in vista, sia senatori di primo piano come Bernie Sanders ed Elizabeth Warren. Il meglio l’abbiamo visto su twitter, dove l’azienda ha provocato: “Ma non puoi credere che facciamo la pipi nella bottiglia, vero?”.

Emigrare in America – Accesso al Credito

Benvenuti in America! Con tutti i documenti in regola per l’immigrazione, finalmente arrivate negli Stati Uniti, e muovete i primi passi nell’accesso al credito. Che siate studenti o lavoratori, aiutati dalla scuola o dall’azienda, avete probabilmente trovato alloggio: bisogna cominciare ad arrangiarsi tra cellulare, affitto e probabilmente un automobile. Le prime spese per partire nella nuova avventura.

A seconda della città più o meno remota dove arrivate, è probabile che il negoziante di cellulari, il concessionario di automobili o la filiale di banca dove volete aprire un conto, vi chiedano il...