IL Signor CEO


"Stiamo vivendo l’anteprima di un mondo di zombi"

Condividi:

Domanda della settimana al Signor CEO: "Lei e i suoi colleghi ai vertici delle élite occidentali sembrate aver perso la testa. Il 'virus' vi sta sfuggendo?"

Risposta:

"Come la porge Lei è una domanda volgare, perché sembra avere già la risposta incorporata. Lo confesso, per la prima volta nella mia vita sono impercettibilmente preoccupato per il destino di noi élite rarefatte. Voi dei media siete gente strana, vi eccitate con quelli che governano, quelli che vanno in tv, quelli che voi intervistate riportando le ovvietà che dicono, e costoro altro non sono che i nostri maggiordomi, eppure voi, ottusamente, li definite élite, establishment, ruling class, 'competenti' e così via. Volgarità per volgarità, vi siete venduti alle persone sbagliate.

Certo questa idea di chiudere il popolino in casa dando la colpa a un’entità infinitesima come il 'virus', è stata una genialata di Bill, dobbiamo riconoscerlo. Lui e il suo team hanno fatto un lavoro eccellente. Per anni hanno urlato: al virus! al virus! Sapevano che prima o dopo, da quella immensa palude di schifezze che è la Cina interna, millenaria e profonda, un virus si sarebbe palesato. Essendo naturale e non creato nei nostri laboratori (sarebbe bello, ma siamo molto indietro nella ricerca) si è rivelato 'democratico', quindi ha costretto pure noi a chiuderci nei bunker-ville. Abbiamo perso il nostro giocattolo preferito: il Gulfstream. Ha ragione Bill, senza il Gulfstream siamo cavalieri dimezzati. Un Gulfstream vale un esercito di escort.

Se ci fossero ancora i nostri padri nobili, Adolf e Josif (lei non lo sa, ma erano grandi amici: uno amava il fuoco, l’atro il ghiaccio, ma perseguivano lo stesso obiettivo), si sarebbero fatti grandi risate. Vedere questo miliardo di pecore occidentali che, senza bisogno neppure dei cani, vanno volontariamente nelle loro stalle e lì rimangono per settimane, facendosi mungere in cambio di un po’ di fieno e un pugno di erba medica, ascoltando compunti le baggianate che i media propinano loro, senza un bèlo, è meraviglioso. E’ l’anteprima del mondo degli zombi che verrà.

Il 'virus' ha dimostrato, in pratica, che l’idea dei nostri vecchi Maestri secondo i quali la società perfetta (1-9-90) deve essere su tre livelli ('élite', 'maggiordomi', 'zombi'), si è mostrata fattibile. Dobbiamo continuare a lavorarci, ma la strada imboccata pare quella giusta.

Basta! Mi sono stufato, parlare con Lei mi stanca".

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Umberto Pietro Benini (Verona): salesiano, insegnante di diritto e di economia, ricercatore di verità
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Pietro Gentile (Torino): bancario, papà, giornalista, informatico
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro