IL Signor Postino


Lettera di Saint-Exupéry agli uomini italiani tentati di trascorrere le feste in casa

Condividi:

Caro uomo italiano che sei tentato di trascorrere le feste in casa,

la moglie ti vuole tutto per la casa. Certo è desiderabile l'amore che forma l'aroma della casa, il canto della fontanella, la musica delle brocche silenziose e la benedizione dei bambini quando si avvicinano con gli occhi pieni del silenzio serale.

Ma non cercare di...

... separare e di preferire, secondo le immagini, lo splendore del guerriero nel deserto e i benefici del suo amore. Perché solo il linguaggio qui divide. E' amore solo quello del guerriero pieno della vastità del deserto, e, nell'imboscata attorno ai pozzi, chi fa dono della vita è solo l'amante che ha saputo amare, perché altrimenti l'offerta del proprio corpo non è un sacrificio né un dono fatto per amore. Perché se chi combatte non è un uomo ma un automa e una macchina distruttrice, dov'è dunque la grandezza del guerriero? Io non vi scorgo altro se non un lavoro mostruoso d'insetto. E se colui che accarezza la moglie non è che un'umile bestia sulla lettiera, dov'è dunque la grandezza dell'amore?

Non conosco nulla di veramente grande se non nel guerriero che depone le armi e culla il bambino, o nello sposo che fa la guerra.

Non si tratta di oscillare da una verità all'altra, non si tratta di una cosa valida soltanto per un determinato tempo. Ma di due verità che non hanno valore se non congiunte. E' come guerriero che fai l'amore e come amante che fai la guerra.

Un caro saluto,

Antoine de Saint Exupéry

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Giordano Alborghetti (Bergamo): curioso del software libero, musicofilo, amante del mare
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro
Roberto Zangrandi (Bruxelles): lobbista