Cool memories


Cartolina di Jean Baudrillard a Bill Gates

Condividi:

Egregio signor Bill Gates,
La patente di guida a punti è una formula eccellente. Ma è scandaloso che solo la guida dell'automobile profitti di questa eccezionale idea. Bisogna estenderla all'esistenza tutta e creare un permesso esistenziale dello stesso tipo.

Ogni infrazione alla legislazione morale dei comportamenti comporterebbe un ritiro dei punti d'esistenza - l'esaurimento dei punti comporterebbe il ritiro del permesso di vivere. Così le vie dell'esistenza sarebbero più sicure, e anche meno ingombre, una volta sbarazzatisi di tutti quelli che non sanno come comportarsi. Essi non avrebbero più neanche l'occasione di comportarsi bene o male, poiché per definizione, a differenza della patente di guida, il ritiro del permesso di vivere sarebbe definitivo (l'unica soluzione sarebbe quella di avere una doppia vita).

Si può decidere di dare loro una chance attraverso il riciclaggio, stto direzione di esperti di coscienza che gli reinietterebbero il rispetto delle norme. Essi entrerebbero allora in una sopravvivenza provvisoria. Ma meglio sarebbe considerare questa possibilità del divieto di vivere come immediatamente esecutoria. Basterebbe installare il permesso a punti sotto forma di d'impianto programmato per liquidare il recalcitrante attraverso la sincope automatica. Questa sarebbe l'applicazione incondizionata dei diritti dell'Uomo.

E allora si vedrebbe più chiaramente che cos'è l'applicazione giusta e inesorabile della democrazia.

Cordiali saluti,

Jean Baudrillard

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Barbara Nahmad (Milano): Artista e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro