Pensieri e pensatori in libertà


Un liberale vero all’Università di Padova

Fa sempre impressione varcare la soglia del bel palazzo patavino dove si trovano i corsi di studi in Scienze Politiche. Fa impressione perché è impossibile non pensare a Toni Negri e al dramma della nostra meglio gioventù degli anni ’70, guidata male da maestri forse troppo giovani e certamente troppo ideologici.

La situazione culturale italiana è senz’altro cambiata da allora, e per fortuna, ma rimane comunque difficile trovare pensatori effettivamente e intelligentemente liberali – liberali nature direbbe l’editore Riccardo Ruggeri. Eppure a Padova, il giovane professore Francesco Berti mi sembra portare avanti un pensiero liberale. Tutti gli anni inserisce nel proprio corso lo studio del testo Tutto scorre, di Vasilij Grossman (1905-1964).

Il grande autore russo era un ebreo non praticante, un ateo non ideologico e un cristiano inconsapevole. Aveva scoperto la sua radice ebraica sepolta dalla cultura rivoluzionaria in cui era cresciuta solo quando sua mamma era stata uccisa dai nazisti che avevano invaso l’Ucraina. Era rimasto formalmente ateo ma non aveva paura di pensare all’immortalità dell’anima e della vita. Non gli piaceva l’aspetto dottrinale del cristianesimo ma aveva enorme stima per quella passione per l’avvenimento della vita e della carità improvvisa che anima il cristianesimo in tutte le sue versioni.

Francesco Berti assomiglia un po’ al suo autore preferito: una gioventù a sinistra, una conversione culturale all’ebraismo e al cristianesimo dentro un frame liberale. Come in Grossman, l’ideale di Berti non è dunque un conservatorismo cieco o un liberalismo ideologico: liberalismo non vuol dire solitudine ma capacità di associazione, non significa multiculturalismo ma apertura a una società multietnica, non è per la concessione di ogni diritto perché ogni diritto, eccetto i pochi fondamentali, limita la libertà.

Il liberale vero, come Grossman avrebbe voluto essere se fosse stato libero di professarlo, è per la persona ed è contro lo Stato. Il capolavoro di Grossman si intitola infatti Vita e destino. È un’opposizione: la vita è quella delle singole persone – sempre varia e mai uguale l’una all’altra – mentre il destino, nel senso di fato, è quello dell’uomo creato dallo Stato. L’incipit di Vita e destino dice che non ci sono due isbe uguali in tutta la Russia, come non ci sono due rose canine uguali in tutta la natura, mentre le baracche dei lager di destra e di sinistra sono tutte uguali. In Tutto scorre, Grossman rimpiange la breve parentesi moderata del governo provvisorio del 1917, l’attimo in cui i russi si erano liberati dall’oppressione degli zar e non erano ancora piombati nell’oppressione bolscevica.

Anche Berti difende una prospettiva di questo genere, che anche nell’Italia dei fascisti e dei comunisti, dei cattolici e dei massoni, non ha mai avuto tanto spazio. Tutti hanno sempre parlato di libertà, ma raramente l’hanno difesa nella sua radice ontologica e nella sua conseguenza politica di anti-statalismo radicale. Si può non essere d’accordo, ma è difficile non provare stima per la battaglia culturale del prof. Berti e per la commozione con cui la parola libertà risuona nelle aule dove aveva insegnato Toni Negri.

© Riproduzione riservata.
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Umberto Pietro Benini (Verona): salesiano, insegnante di diritto e di economia, ricercatore di verità
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Pietro Gentile (Torino): bancario, papà, giornalista, informatico
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Riccardo Ruggeri (Torino): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro
Roberto Zangrandi (Bruxelles): lobbista

+ Articoli della rubrica