Cool memories


Telegramma di Jean Baudrillard ai sondaggisti italiani

Condividi:

Cari sondaggisti italiani,

La massa è silenziosa come le bestie, e il suo silenzio è come quello delle bestie. Possiamo sondarla sino alla morte...

... (e la sollecitazione incessante alla quale essa è sottomessa, l’informazione, equivale al supplizio sperimentale degli animali nei laboratori), ma non ci dice dove sia la verità: a sinistra o a destra? Né ciò che preferisce: la rivoluzione o la repressione? È senza verità e senza ragione. Possiamo prestarle tutte le parole artificiali. È senza coscienza e senza inconscio.

Questo silenzio è insopportabile. È l’incognita dell’equazione politica, l’incognita che annulla tutte le equazioni politiche. Tutto il mondo la interroga, ma mai in quanto silenzio, sempre per farla parlare.

Ora, la potenza di inerzia delle masse è insondabile: letteralmente nessun sondaggio la farà apparire, poiché i sondaggi sono là per cancellarla. Un silenzio che fa oscillare il politico e il sociale nell’iperrealtà che noi conosciamo. Perché se il politico cerca di catturare le masse in una camera d’eco e di simulazione sociale (i media, l’informazione), sono le masse che diventano in cambio la camera d’eco e di simulazione gigantesca del sociale.

Non c’è mai stata alcuna manipolazione. Il gioco si è giocato da entrambe le parti, ad armi pari, e nessuno oggi può dire chi abbia vinto: la simulazione esercitata dal potere sulle masse o la simulazione inversa, tesa dalla massa al potere che vi si inabissa.

Cordiali saluti,

Jean Baudrillard

© Riproduzione riservata.
Condividi l'articolo con un tuo amico o sui social network:
Zafferano

Zafferano è un settimanale on line.

Se ti abboni ogni sabato riceverai Zafferano via mail.
L'abbonamento è gratuito (e lo sarà sempre).

In questo numero hanno scritto:

Giordano Alborghetti (Bergamo): curioso del software libero, musicofilo, amante del mare
Angela Maria Borello (Torino): direttrice didattica scuola per l’infanzia, curiosa di bambini
Valeria De Bernardi (Torino): musicista, docente al Conservatorio, scrive di atmosfere musicali, meglio se speziate
Roberto Dolci (Boston): imprenditore digitale, follower di Seneca ed Ulisse, tifoso del Toro
Giovanni Maddalena (Termoli): filosofo del pragmatismo, della comunicazioni, delle libertà. E, ovviamente, granata
Barbara Nahmad (Milano): pittrice e docente all'Accademia di Brera. Una vera milanese di origini sefardite
Riccardo Ruggeri (Lugano): scrittore, editore, tifoso di Tex Willer e del Toro
Tommy Cappellini (Lugano): lavora nella “cultura”, soffre di acufene, ama la foresta russa